L’ ARRIVO DEL CUCCIOLO

L’ ARRIVO DEL CUCCIOLO

_DSC0069_resized
L’ ARRIVO DEL CUCCIOLO

E’ arrivato il grande giorno!!! Forse qualche volta lo abbiamo sognato, ci abbiamo pensato e ripensato e abbiamo immaginato come potrebbe essere avere un batuffolo morbidissimo che trotterella per casa nostra. Ecco finalmente lo stiamo portando a casa, nella borsetta o in un trasportino con un bel cuscino morbido ed una copertina che i loro allevatori ci hanno regalato, che abbia gli odori della mamma e dei fratellini..odori che a lui mancheranno già un po’…

Speriamo che l’eccitazione all’idea di portare a casa un nuovo piccolo amico non ci abbia fatto dimenticare alcuni preparativi importanti. Fondamentali, anzi, perché questa è probabilmente la prima volta che il cucciolo si allontana da luoghi, odori, ambienti familiari e si tratta per lui di un momento molto delicato e stressante. Utilizzate quindi i giorni immediatamente precedenti l’arrivo del cucciolo per assicurarvi che tutto in casa sia pronto per accoglierlo, proprio come fareste in vista dell’arrivo di un neonato.

La casa sarà già stata messa “in sicurezza” nascondendo prese e piante potenzialmente pericolose e sarà piena di ogni giochetto esistente al mondo e il cavalierino è già viziato prima di mettere la zampina in casa, ma facciamo un piccolo riassunto di quello che dovreste avere: una cuccia morbida e calda (è importante stabilire fin da subito dove dormirà il cucciolo), 2 ciotole, all’inizio è meglio non prendere quelle da cocker perché  sarebbero troppo alte per il piccoletto! Poi ci serviranno dei giochini, qualcosa in corda da mordicchiare, una pallina e qualche peluche andranno benissimo, un collarino e un guinzaglio, meglio se in nylon e leggero, meglio evitare pettorine che potrebbero causare un’ andatura sbagliata  e guinzagli estendibili che farebbero del nostro cavalier un piccolo husky da slitta! Sarebbe bene decidere, prima dell’arrivo del teppistello in casa, come comportarci coi bisogni: avete un giardino e volete insegnare al piccolo a fare subito i bisogni fuori o userete le traversine igieniche?  Se così fosse, ricordate anche quelle! Non  dimenticatevi di chiedere all’allevatore quali crocchette mangia il piccolo e fatene una piccola scorta, chiedete anche se è abituato a una marca particolare di biscotti o premietti e procuratevi anche quelli!

Cosa fondamentale: trovate un buon veterinario! Fatevi consigliare dagli amici, chiedete alle persone che magari incontrate al parco e prima dell’arrivo del cucciolo andate a conoscerlo.. il veterinario sarà una figura importantissima: non dovrà occuparsi solo dei vaccini del piccolo, ma dovrà conoscere la razza e le sue patologie, aiutarci, saperci consigliare… dobbiamo fidarci del nostro veterinario quindi, se la persona che avete scelto non vi convince,  non arrendetevi e cercate un professionista che sia all’altezza delle vostre aspettative!

Bene! Siamo arrivati al gran giorno? Siete a casa, un piccolo batuffolo tra le braccia… ed ora? Che si fa??  Ora inizia l’avventura!! Ricordatevi che per lui è tutto nuovo, lasciategli il tempo di abituarsi a voi e al nuovo ambiente, non assalitelo di coccole e non invitatelo al gioco…. ogni cucciolo è diverso e ognuno ha tempi diversi, ma è importante che il piccolo viva questo cambiamento senza stress. Lasciamo che il cucciolo esplori la sua nuova casa, annusi gli odori e lasciamogli lo spazio ed il tempo che gli serve. E’ difficile non spupazzarlo subito lo sappiamo, ma rispettiamolo.

La maggior parte dei cuccioli preferisce dormire in uno spazio raccolto, da usare anche come rifugio dove rintanarsi quando si sentono troppo stressati. Procuratevi quindi innanzitutto una bella cuccia morbidosa e un trasportino rigido che vi sarà utile per portarlo in macchina ma anche in casa! Mettete una copertina o un materassino per far stare comodo il vostro cucciolo. Adesso decidete dove sistemarlo: ricordate che è più facile instaurare delle buone abitudini che estirpare poi quelle cattive. Quindi se volete che il vostro piccolo non dorma in camera da letto, non dovrete mai farcelo dormire… non è giusto per lui dire “solo per questa volta”… ci rimarrà malissimo quando non potrà più farlo!. il cucciolo ha bisogno dei suoi spazi esattamente come noi.

Molti cuccioli hanno l’abitudine di guaire di notte, specialmente durante la prima settimana in una casa nuova, quindi più caldo sarà il suo giaciglio e meglio starà il cucciolo. Provate a mettere una borsa dell’acqua calda, o un giocattolo adatto a lui per fargli compagnia… ma non cedete alle sue lamentale. Deve imparare a stare solo, parlategli ed accarezzatelo con dolcezza per fargli capire che ci siete e poi tornate a dormire..dopo qualche ora vedrete che la paura sarà già passata!

Vi è una cosa che deve diventare il leit motive del vostro rapporto con il cane, che sia cucciolo o adulto: la coerenza. Una volta che si prende una decisione bisogna mantenerla perché basterà trasgredire una sola volta  e tutto il lavoro fatto fino a quel momento sarà cancellato e ritornare alle vecchie abitudini sarà molto più difficile!

Cosa significa questo? Significa che se abbiamo deciso che il cucciolo deve fare pipì in giardino dobbiamo portarlo fuori ogni 2 ore anche se siamo stanchi, se decidiamo che il piccolo deve dormire in cuccia o in una stanza diversa dalla nostra dobbiamo lasciarlo lì anche se le prime volte piagnucola un po’, se il piccolo deve mangiare le crocche, non gli si devono allungare dei bocconi succulenti mentre state mangiando.. perché dovrebbe mangiare le crocche se poi arrivano cose più buone?… insomma! Coerenza… coerenza che va applicata in ogni momento della sua vita…

Se si permette al cucciolo di dormire sul divano, lo stesso trattamento dovrà avere anche una volta diventato adulto… e un cucciolo viziato sarà anche un adulto viziato, quindi bisogna essere a volte duri, e non lasciarsi conquistare da quegli occhi languidi… E quando diciamo duri, intendiamo un secco no!!! Per un cavalier non c’è punizione più dura che sentirci arrabbiati.. vi accorgerete in poco tempo che vivono in vostra funzione, con e per voi, e che tutto quello che vogliono è il vostro affetto, qualche biscottino, una pallina e una corsa al parco un paio di volte al giorno! È così poco in cambio di tutto quello che ci viene dato! Ricordate che i cavalier king hanno fama di “tontoloni”, niente di più falso!!! Sono cani molto intelligenti, ma testardi e cocciuti e la loro intelligenza va costantemente stimolata! Ricordatevi che chi l’ha dura la vince e perseverate, perseverate, perseverate!

Spesso quando il cucciolo arriva non ha ancora terminato il ciclo vaccinale e ci viene consigliato da allevatori e a volte anche veterinari di non lasciare che il cucciolo cammini per terra, che non interagisca con altri cani e così via… Noi non vogliamo andare contro il parere di figure professionali e contestare la loro esperienza, ma , basandoci sulla nostra, possiamo consigliarvi di trovare un compromesso: il periodo che vai dai 60 ai 90 giorni è uno dei più importanti della vita del cucciolo, è in quel periodo che gli si fornisce l’imprinting corretto e si fa di un cucciolo magari un po’ timido un cane felice, scodinzolante, che non ha paura di niente e  di nessuno, che sa interagire in maniera corretta con i suoi simili, con i bambini, o con gli estranei.. La copertura vaccinale dal secondo vaccino è quasi completa e una passeggiatina in centro, o in un parco cittadino ben tenuto, un’annusatina con cani vaccinati e non aggressivi, una corsa e qualche gioco nelle aree di sgambatura non potranno che far bene al vostro piccolo! Invitate persone a casa, non fate vivere al cucciolo questo periodo in un mondo ovattato e troppo protetto.. fategli conoscere altri quattro zampe diversi da lui… Questo periodo è il più importante, se saprete gestirlo in maniera opportuna e corretta non avrete problemi nemmeno in futuro, avrete un cane che saprà adattarsi ad ogni situazione e che saprà rapportarsi agli altri in maniera adatta e senza stress!

Passiamo al famoso capitolo “bisognini in casa”: Appena il batuffolo arriva in casa, lasciamolo tranquillo per i primi due giorni, stendiamo a terra una traversina ( che dovrebbe conoscere bene;)) e incrociamo le dita affinchè centri l’obiettivo! Noi consigliamo sempre di portarlo fuori casa per i bisogni il prima possibile, ma se è inverno, se piove e tira vento non possiamo proprio farlo quindi accontentiamoci delle traverse e di pulire diverse volte il pavimento nell’arco della giornata…e della nottataJ

E’ fondamentale premiare il piccolo con un biscottino e con un bel “bravo piccolo” quando fa centro sulla traversa oppure quando sporca fuori in giardino o per la strada. Vi consigliamo, almeno per i primi tempi, di tenere sempre qualche premietto (biscottini, pollo essiccato, etc) in tasca in modo da essere subito pronti a premiare un comportamento corretto! Ricordatevi che il cucciolo ricorda molto più volentieri le sue buone azioni se giustamente premiate! Naturalmente questo vale per tutte le attività che farete insieme..il premio è fondamentale per dare al piccolo amico una gratificazione positiva quando ci ubbidisce, il “NO” secco (mai urlato, ma deciso) ci aiuterà per fargli capire comportamenti indesiderati.

Inutile sottolineare che un cane non va mai strattonato, picchiato o aggredito per fargli capire qualcosa…atteggiamenti di questo tipo sono deplorevoli. Noi crediamo fortemente nel “condizionamento positivo” del cane e nel metodo dolce..vedrete che funzionerà.

Quando fa i suoi bisogni lontano dalla traversa e lo cogliete sul fatto, sgridatelo con un NO con voce ferma ma senza urlare e solo ed esclusivamente se lo cogliete sul fatto. A nulla serve rimproverarlo  se al rientro dal lavoro trovate dello sporco; lui non associa la vostra sgridata al fatto di aver fatto i bisognini in casa, al contrario la associa al vostro rientro ecco perché ogni volta che poi in seguito rientrerete a casa, il cane vi verrà incontro con la coda tra le gambe. Ci vorrà un po’ di pazienza e di costanza ma vedrete che presto il vostro piccolo amico imparerà dove sporcare…

Se ci sono bambini in casa, ricordate di preservare il cucciolo dall’euforia talvolta davvero stressante per il cucciolo. Evitate accuratamente di far prendere un cucciolo in braccio da un bambino perché potrebbe farlo nella maniera sbagliata e soprattutto potrebbe farlo cadere, talvolta con conseguenze molto molto pericolose. Noi vi insegneremo da subito come prendere il vostro cavalier in braccio e pian piano lo insegnerete ai bimbi della vostra famiglia. Ricordate anche di evitare di farlo salire su letti, tavoli o divani perché lui non è ancora prudente e si lancerebbe nel vuoto come nulla fosse..

Per quanto riguarda i pasti, vi avremo sicuramente dato di persona tutte le info necessarie ma ve le riassumiamo anche qui per comodità:

–       Il cucciolo mangia 3 volte al giorno le crocche Junior fino a 4-5 mesi, poi si passa a 2 volte al giorno per il resto della sua vita (per la marca sapremo consigliarvi per il meglio);

–       Gli orari dei pasti li deciderete in voi in base alla vostra quotidianità, ma dovrete essere assolutamente rigidi con questa regola: tenere giù la ciotola per massimo 20 minuti, dopo di che, anche se il cucciolo non ha mangiato, tiratela su! Mangerà al prossimo pasto.. Spesso il cucciolo avverte la nostra ansia affinchè lui mangi e diventa inappetente! Non guardiamolo, andiamo in un’altra stanza e dopo 20 minuti torniamo a togliere la ciotola..Questa tecnica sarà la vostra salvezza per non diventare schiavi dei suoi vizi!

Un aspetto fondamentale per il corretto sviluppo psico-fisico del nostro amico è rappresentato dalle passeggiate e dal gioco con noi! Il cavalier, come tutti i cani del resto, ha estremo bisogno di un costante movimento! Portate ogni giorno il vostro amico a fare una bella passeggiata “extra-bisogni”, portatelo a giocare in un parco con una pallina, è davvero fondamentale per lui acquisire una buona muscolatura.

Il veterinario saprà indicarvi i giusti antiparassitari contro zecche, pulci e zanzare fondamentali per la salute del nostro amico e da utilizzare fin da subito!

Per quanto riguarda tutte le informazioni inerenti al grooming del vostro cavalier da esposizione o da compagnia, a tutti gli accessori per una corretta igiene e cura del pelo, ad eventuali esposizioni di bellezza nazionali o internazionali, saremo davvero felici di offrirvi un valido aiuto.

Ora avete un’ idea di cosa significa avere un cane. A questo punto se vorrete potrete anche affrontare un corso di base per imparare a rapportarvi con il cane nel modo migliore evitando quegli errori che a volte si fanno per errate convinzioni o perché non si è ben informati. Noi vi consigliamo di svolgere dei corsi cane-padrone (abbiamo naturalmente i riferimenti di persone competenti) perché così imparerete a gestire al meglio il vostro cane e la vostra vita insieme sarà ancora più bella!

Ricordatevi che per tutta la vita del vostro cucciolo, noi saremo sempre disponibili e felici di aiutarvi nelle scelte e nelle decisioni che riguardano il piccolo.

Non rimane che augurarvi tutto il meglio per l’inizio di questa splendida avventura e…BUON DIVERTIMENTO!!!!

This post is also available in: Inglese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *